STAI VALUTANDO L’ACQUISTO DI UN BEAGLE? – Alberto Calbucci +39 3927935450


STAI VALUTANDO L’ACQUISTO DI UN BEAGLE?

Se stai valutando l’acquisto di un Beagle ti consiglio di non avere troppa fretta e di informarti bene sulle sue caratteristiche e necessità. La cosa migliore è fissare un appuntamento e farmi visita in allevamento, ovviamente senza alcun impegno… intanto ti invito a leggere con attenzione questo articolo per ponderare con calma se possa essere la scelta giusta per te e per la tua famiglia.

La primissima cosa che mi sento di consigliarti è: scegli un allevatore serio!!!

Deve ispirarti fiducia totale, disposto a dedicarti SEMPRE il tempo necessario per spiegarti le cose e risolvere eventuali problemi, meglio se allevatore mono-razza (evita commercianti che trattano varie razze, negozi o privati), deve garantire che i genitori del cucciolo sono esenti da patologie ereditarie e ti deve vendere un cane tipico; deve inoltre seguirti per quanto riguarda l’alimentazione, l’educazione, la prevenzione, la gestione ecc… deve offrirti un servizio a 360º!

Consulta le recensioni sulle pagine social ufficiali dell’allevamento… quelle non mentono.

Prima di andare avanti a sviscerare tutte le considerazioni importanti da fare prima dell’acquisto, ti voglio parlare subito di quella fondamentale: IL TEMPO. Il cane, per sua indole, è un animale sociale che in natura vive in branco, a differenza, ad esempio, del gatto che è solitario e territoriale. Nel caso del Beagle, essendo stato per secoli selezionato per la caccia alla seguita in grandi mute, questo aspetto è ancora più marcato. Quindi prima di portarti a casa un cucciolo di Beagle considera che nella sua testa tu e la tua famiglia sarete il suo branco, e che ogni volta che sarà separato da voi per lui sarà una sofferenza.

Diciamo che fino ad un massimo di 4/6 ore si può abituare, ma se deve rimanere solo dalle 8 di mattino alle 8 di sera meglio optare per un gatto. Molti miei clienti, avendone la possibilità, se lo portano al lavoro, altri hanno una persona fidata che dopo qualche ora lo preleva per una passeggiata e poi lo riporta… ti faccio questi esempi per farti capire che anche se sei molto impegnato una soluzione la puoi sempre trovare, non sei costretto a rinunciare, ma sicuramente devi considerare questo aspetto come il più importante per la decisione finale. Com’è la nostra routine giornaliera? Cosa cambierà con la presenza del cane? Avrò il tempo da dedicargli per le passeggiate e per portarlo fuori a fare i bisogni? Come faremo quando andremo in vacanza? Stando con noi avrà una vita dignitosa e serena? Ecco alcuni importanti quesiti che devi porti.

Altro aspetto importante da considerare è LO SPAZIO, nel senso di come gestire il cane a casa, soprattutto quando lo lasci da solo; infatti non è la quantità (di spazio) a fare la differenza: è più felice un Beagle che vive in un monolocale con il padrone sempre presente, piuttosto di uno che ha a disposizione un giardino immenso, in una mega villa, ma è sempre solo. Il mio consiglio, tanto in appartamento quanto in giardino, è di decidere dove preparagli una sorta di “tana” prima di portarlo a casa, così da abituarlo, sin dal primo giorno, a rimanere, in certi momenti della giornata, confinato al suo interno. Questa soluzione è per te molto comoda ogni qualvolta non lo vuoi avere tra i piedi: cena con amici, compleanni dei figli, pulizie della casa, lavori di manutenzione ecc.. ecc.. e ogni qualvolta non puoi supervisionare le sue attività (marachelle in primis). Il cucciolo, se abituato in maniera graduale, accetta volentieri la tana, considerandola il suo angolo privato e personale, non la vive come una penitenza o un luogo di punizione. Al suo interno trovano spazio la sua copertina, le sue ciotole e i suoi giochi, e quando vai via, come stratagemma per distrarlo, puoi dargli cose gustose da masticare.

Un’altra caratteristica del Beagle che voglio segnalarti già in questa fase è il suo eccezionale appetito. È estremamente goloso e famelico, quindi devi tenere il cibo fuori dalla sua portata e seguire scrupolosamente i miei consigli in merito all’alimentazione. Avrai sicuramente notato che in giro è pieno di Beagles sovrappeso.

Dovrai sceglierti, con molta attenzione, un buon veterinario; se non ne hai già uno di fiducia ti consiglio di “indagare” presso parenti e amici possessori di cani, cercando di capire se sono soddisfatti, se si fidano e se i prezzi praticati sono onesti. Fai attenzione, cerca di capire se il professionista che hai davanti è più interessato alla reale salute del cane o ai soldi che deve incassare; in questi 30 anni di storie su strani comportamenti dei veterinari ne ho sentite talmente tante che potrei scrivere non uno ma ben due libri. Spesso fanno terrorismo per spaventarti e proporti inutili interventi o cure. Nel dubbio contatta sempre l’allevatore per un confronto o chiedi il parere di un secondo veterinario.

Dovrai confermare l’iscrizione all’anagrafe canina (normalmente gratuita o pochi euro in rari casi), ritirare il pedigree quando ti arriva l’avviso dall’ENCI (spesa una trentina di euro), mettere in preventivo spese fisse come cibo, masticabili, giochi, antiparassitari, sterilizzazione (se femmina), veterinario, medicinali, corso di educazione (consigliato), eventuale pensione quando vai in vacanza, varie ed eventuali.

Mediamente un Beagle vive dai 12 ai 18 anni! Ricordati quindi che dipenderà da te in fatto di cure ed amore per tanto tempo. Essere un proprietario responsabile è un lavoro importante che richiede un serio coinvolgimento.

Spero di non averti spaventato ma preferisco cedere i miei cani solo a persone consapevoli di ciò che dovranno affrontare una volta accolto il cucciolo in casa. 

Per qualsiasi quesito non esitare a contattarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto