RICERCA DEL DISPERSO CON IL BEAGLE – Alberto Calbucci +39 3927935450


RICERCA DEL DISPERSO CON IL BEAGLE

Quando descrivo la razza Beagle alle persone che mi fanno visita in allevamento, una delle prime cose che sottolineo, è che non ci troviamo di fronte ad un cane con un buon naso, ma ad un naso con il cane attaccato! Il mondo del Beagle, infatti, ruota tutto attorno al suo naso, che è costantemente attaccato al terreno per “leggere il giornale”, per captare informazioni su tutto ciò che è accaduto in precedenza in quel preciso punto. Più l’odore che rileva è interessante più veloce si muoverà la sua coda, comunicando, a chi è in grado di capire, ciò che sta succedendo. Il motivo della punta della coda bianca, “la bandierina”, è perché sia più visibile anche in mezzo all’erba alta.

Forse non sai che proprio grazie a questa caratteristica del Beagle potresti intraprendere con il tuo cucciolo un percorso di addestramento, all’interno delle unità cinofile della Croce Rossa Italiana (CRI), per la ricerca di persone disperse. Il cane cerca il disperso attraverso il cono di odore costituito dai microscopici pezzetti di particelle e di pelle che tutti gli esseri umani continuamente perdono e che ha un odore ben specifico e unico per ogni individuo.

Ovviamente, come avviene per la caccia e per tutte le discipline sportive, il cane non viene MAI obbligato a “lavorare”, lo fa perché è felice di farlo e si diverte tantissimo, va semplicemente stimolato con il gioco, e una volta ottenuto il risultato richiesto, premiato con cibo, giochi, tantissime coccole e festeggiamenti. Con il Beagle, notoriamente testardo e dal forte carattere, dovrai sicuramente mettere in preventivo un impegno maggiore rispetto ad altre razze e tantissima pazienza, ma vedrai che alla fine avrai successo e la soddisfazione sarà indescrivibile.

L’addestramento delle unità cinofile della CRI è sia teorico che pratico; si studia tutto quello che è il mondo del comportamento del cane, il suo modo di ragionare e di pensare, per poi passare agli esercizi di obedience, ed infine all’addestramento specifico sulla ricerca di persone. Si lavora molto sul binomio cane/conduttore, il cane, oltre a divertirsi, deve avere un buon autocontrollo, una fiducia totale in te, rispondere ai tuoi comandi e lasciarsi guidare ed aiutare per raggiungere l’obiettivo più velocemente possibile.

Un’esperienza del genere ti cambia la vita, non solo ti da la possibilità di vivere al top il rapporto con il tuo cane, ma anche di svolgere insieme a lui un importantissimo servizio finalizzato al salvataggio di vite umane… what else?

Pumpkin di Casa Calbucci con il suo orgoglioso padrone… inseparabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto